Oggi è sab set 21, 2019 23:00

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 2 messaggi ] 
Autore Messaggio
 Oggetto del messaggio: La partita della Morte
MessaggioInviato: mer dic 09, 2015 12:03 
Non connesso
singolarita` (ha la risposta a tutto, l'universo non ha segreti)
Avatar utente

Iscritto il: mer nov 02, 2005 9:26
Messaggi: 32711
Località: Roma
Medals: 10
vampire1.0 (1) Fanta F1 Stagione 0 (1) Fantacalcio 05-06 girone Unico (1)
Schedina 2018 2019 R (4) 3° torneo Knuffel (2) TSR 2017 (1)
LA PARTITA DELLA MORTE

Fuga per la vittoria è un film meraviglioso. La storia di un gruppo di internati in epoca nazista che, per puro caso, si ritrovano a disputare una partita di pallone contro i propri vessatori, è qualcosa di stupendamente romanzesco.

Con tutti quegli intrecci che si articolano nella pellicola e la soluzione finale di rimontare il punteggio di 4-1 piuttosto che fuggire verso la libertà.. Un vero capolavoro della cinematografia sportiva. Eppure, per quanto originale ed inimitabile sia questo cult degli anni 80′, molto deve alla storia di un’altra partita il regista statunitense John Huston. Un incontro giocato anch’esso negli anni 40′, ma dall’esito tutt’altro che felice. Al punto tale di essere passato alla storia come “La partita della morte”.

Siamo nel 1942. In un campo di concentramento ucraino, lavorano come impiegati di un panificio un gruppo di calciatori locali all’epoca beniamini delle rappresentative cittadine della Dinamo di Kiev e della Lokomotiv. Divenuti noti alle milizie delle SS per i loro trascorsi da giocatori, vengono sfidati ad una partita di pallone con l’intento, da parte dei tedeschi, di rimarcare la supremazia della razza ariana anche in ambito sportivo e calcistico. In uno stadio gremito di tifosi ucraini e per nulla convinti di lasciar vincere gli avversari come avrebbe fatto loro più comodo, la rappresentativa dello Start (così era chiamata la formazione degli ucraini) infligge alla selezione tedesca 5 schiaffoni sul campo, terminando la partita per 5-1 e ricevendo dagli sconfitti, freschi di batosta, l’invito a ridisputare l’incontro qualche mese più tardi.

Nuovamente in campo contro la rappresentativa della Luftwaffe, ma ammoniti di perdere assolutamente l’incontro pena torture disumane o, addirittura, la fucilazione, lo Start comincia l’incontro passando immediatamente in svantaggio, ma alla fine dei primi 45 minuti il punteggio è di 3-1 a suo favore. Visitati da un ufficiale delle SS durante l’intervallo ed esortati per l’ennesima volta a perdere quella partita, i beniamini locali proseguono il secondo tempo con il morso allentato e nel giro di pochi minuti vengono raggiunti sul 3-3 dagli avversari. Sarà stata l’incoscienza o la voglia di non darla vinta a quei maledetti carnefici, ma fatto sta che lo Start ribalta nuovamente l’andazzo e sul punteggio di 5-3 si prende il lusso di umiliare la squadra tedesca: dopo aver saltato mezza difesa in solitaria ed essersi liberato comodamente del portiere, l’ucraino Klymenko si ferma col pallone sulla linea di porta ed invece di infilare la rete per la sesta volta, spazza la palla via dall’area di rigore avversaria in direzione del centrocampo. Come a dire “in quei maledetti lager le regole e le umiliazioni le stabilite voi, ma qui, su questo campo, a comandare siamo noi”.

Ovviamente le milizie presenti allo stadio e in zona non tollerarono un simile comportamento e prestando fede alle minacce ribadite prima e durante l’incontro, massacrarono e trucidarono istantaneamente gran parte della squadra, salvando da quel tragico finale di gara solo due giocatori: Mychajlo Svyrydovs’kyj e Makar Hončarenko. Del secondo, autore nella partita della seconda e terza rete, è stato eretto un busto dalla Dinamo Kiev con la dedica semplice, ma significativa, “A uno che se lo merita”. E a onor del vero, un monumento nella storia di questo sport se lo sono guadagnati tutti i componenti di quella selezione, non soltanto Hončarenko. Anche perché spesso sentiamo utilizzare nel nostro quotidiano la frase “Dare tutto per un gol o una partita”, ma questi, per vincere quell’incontro, sono arrivati al punto di offrire la propria vita. Preferendo piegarsi alle ginocchia naziste da morti, piuttosto che da vivi.

http://www.spoomewriter.com/sw/la-partita-della-morte/

_________________
Mai vergognasse de esprime n'sentimento!
Scritto,sussurrato,un grido,na poesia...
Mai fa lo sbaglio de di "nun e' er momento!!!
Er tempo e'come er vento, arriva e poi va via..

"EU now has 1GB of free space"

STO BENE COSI' !!!!


Share on FacebookShare on TwitterShare on Google+
Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: La partita della Morte
MessaggioInviato: mer dic 09, 2015 13:33 
Non connesso
figlio di Omero (crede di essere un poeta ma e` solo parente)
Avatar utente

Iscritto il: mar mar 20, 2007 11:58
Messaggi: 3266
Località: La Milano Claret and Blue
Sapevo di questa storia ed è sempre interessante rileggerla, una delle tante pagine crude del mondo dello sport.

Questa storia fa capire il valore degli sportivi di una volta, quando il calcio era solo uno sport ed era giocato da uomini veri.


Share on FacebookShare on TwitterShare on Google+
Top
 Profilo  
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 2 messaggi ] 

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  
cron
Powered by phpBB® Forum Software © phpBB Group
Traduzione Italiana phpBBItalia.net basata su phpBB.it 2010

Copyright © 2005 - 2019 Cubota.it v.2.0 - Powered by Cubetto & Yota