Crea anche tu un blog su Cubota.it | HOME
Itaca
Itaca
Storia di un viaggio
Sabato, 23 Aprile 2011

Ma quanto tempoooooo!!!

Molto meglio di facebook....

 :*

Aletta737 ha pasticciato qui alle 17:54 - Link - commenti (1)
Sabato, 06 Febbraio 2010

Non son stata certo io la principale responsabile di ciò... anzi.... ho fatto la sharer contadina e pushatrice solo negli ultimi 2 mesi prima dello schianto... però finalmente il report sulla mera ce l'ho pure io! Grandi N e Z che han fatto ciò.

Aletta737 ha pasticciato qui alle 08:59 - Link - commenti (2)
Venerdì, 28 Agosto 2009

Estate 2009

Questa invece me la ricorderò per le galoppate western style e per i primi risultati di un faticoso lavoro.

Aletta737 ha pasticciato qui alle 07:21 - Link - commenti (1)
Domenica, 15 Marzo 2009

Inverno 2008-2009

Me lo ricorderò per la tanta pioggia, ma anche pechè ho rimesso gli sci ai piedi dopo 20 anni, perchè ho letto il mio primo Manga, perchè ho visto la Città Incantata e ne ho subito regalata una copia a Martin, che è responsabile di tutto ciò: dopo un anno di contatti quotidiani non poteva che influenzarmi con i suoi gusti. Hmmmm chissà se ho avuto qualche effetto nefasto su di lui pure io...

Me lo ricorderò anche per le amicizie vere, quelle che non muoiono mai, per le serate a casa di Roberta davanti ad un DVD e a casa di Federica davanti ad un aperitivo. Me lo ricorderò per le amicizie nuove, da coltivare e vedere crescere, attraverso la pancia che cresce di un Border Collie e le sciate assieme, attraverso l'ascolto della musica, attraverso un gioco on line che si è magicamente trasformato in un cucciolo fulvo che corre.

Aletta737 ha pasticciato qui alle 14:10 - Link - commenti (1)
Sabato, 21 Febbraio 2009

Anime-mania

 Ma guarda cosa mi va a succedere in vecchiaia.... mi appassiono di cartoni giapponesi... per ora la mia videoteca è scarna: Il castello errante di Howl (Hayao Miyazaki), I racconti di Terramare (del figlio, Goro Miyazaki, e anche se il grande artista dicon tutti sia il padre... a me il film è piaciuto molto) e Millennium Actress (Satoshi Kon). Ora tocca alla Città Incantata, imperdibile, mi dicono...

Aletta737 ha pasticciato qui alle 21:49 - Link - commenti
Domenica, 23 Novembre 2008

E' finita!!!

Questa immagine quotidiana mi mancherà tantissimo, anche se sono stati mesi molto faticosi.

abbiam finito oltre 800 in classifica popolazione, e eravamo stati ventesimi. Ci siam classificati 18° in classifica difese senza avere un Nataren, e circa 100° in attacco con il server che è finito 12 ore prima del nostro schianto. L'eroe era alle stelle, quasi completo. Non abbiam vinto, ma ce la siamo giocata, il nostro account non si è mai fermato: Io, Martin, Dany, e infine anche Fenrir, con tutta RFCK alle spalle. Una grande ally, e soprattutto delle grandi persone. Il mio abbraccio a Zorrogarcia, Dodo80, Sheleya, Moniacale, Lady Maya, Tomir II, Ladees, Davide. Ed ora... disintossicazione!!

E la barca a vela? Uhm, un momentaccio: ho "deciso" che ho paura. Comunque sono uscita a luglio con il Baba Yaga ed a settembre con il Baci e Abbracci (Elba). Purtroppo le ombre che mi hanno assalita mi hanno impedito di andare in catamarano a novembre, causa maltempo. Ci lavorerò su...

 ____________________________________________________________

Ho deciso di ricopiare un vecchio post in Cubota: mi piaceva...

Riguarda i paesi visitati...

Aletta da piccola
Alettina737 volava da sola col biglietto aereo al collo, in una busta trasparente che conteneva anche la carta d'identità, affidata all'hostess. Un modo perfetto per visitare ogni volta la cabina di pilotaggio
Quindi tra i 6/7 anni (1° volo da sola...) ed i 12 sono andata 2 volte 1 mese in Germania, 2 volte 1 mese in Inghilterra, 3 volte in Svizzera Francese. Questi paesi, visti da bimba, erano belli: della 1° vacanza (Inghilterra) ricordo una Stonehenge (?) meravigliosa, dei sassi in mezzo al prato verde, quasi senza turisti, su cui ci si poteva arrampicare, ed una settimana in campeggio con la tenda piantata in una fattoria, un recinto con cavalli, vacche e pecore che praticamente ci venivano a svegliare tutte le mattine. In Inghilterra son stata poi intorno ai 12 anni (l'ultimo dei viaggi da bimba... infatti mi innamorai per la prima volta... di Pierre... un FRANCESE!), da un colonnello a riposo che teneva una 15ina di giovincelli nella sua grande casa cadente e piena di ragni ed altri insetti. Andavamo a cavallo due ore al giorno e, essendo l'anno della siccità, non potevamo fare più di un bagno al giorno tra tutti, ovvero un bagno ogni 15 giorni a testa. Stavamo tra Folkstone e Cambridge, campagna magnifica, e quando prendevamo l'autobus tutti assieme il lunedì per andare in città intorno a noi si creava il vuoto. Ricordo le merende fantastiche: un'enorme tavolo pieno di dolci, pane imburrato e barattoli di marmellata, ovviamente col the, ed alle cinque. In Inghilterra son stata anche una terza volta, dopo la maturità, sempre 1 mese, sempre campagna, sempre cavalli: pulivo i box ed in cambio montavo a cavallo gratis (Aletta puzza, puzza, puzza, puzza!). Mi ricordo che stavo da gente con pochi soldi e che ho mangiato carne solo una volta o due.

Svizzera francese. Andavo sempre in un kinderheim "Au Chat Bottée" (al gatto con gli stivali). Fantastico. Svizzera meravigliosa, montagne infinite, gite tutti i giorni (estate), anche di più giorni, con costruzione di capanna nel bosco in cui dormire, e notti intorno al fuoco. Merende pane e cioccolata. Le mucche. La svizzera è bella e pulita. Sono stata anche, da più grande, a Crans-Montana: impianti davanti casa, con 2 funivie si arrivava a 3000 metri e si tornava a casa con gli sci, che si toglievano davanti alla porta: WOW!

Germania. Due volte un mese a casa di una famiglia. Non ricordo molto. Ma la Germania la conosco bene, causa lavoro di mia madre ci si andava almeno una volta al mese, in auto, ovunque. A 15 anni conoscevo ogni autostrada, ed il nome di ogni autogrill, incluso se era anche albergo o solo ristorante. La Germania è molto bella, anche lì le campagne sono molto belle (quando ci si allontana da città è autostrade folli... quest'anno il tassista mi ha portata in albergo a 190 all'ora...). Lo avrete capito: a me basta vedere prati verdi e cavalli al pascolo, e lì ci sono...

Aletta da grande
Comincio a viaggiare per studio/lavoro (mai per vacanza...)
Svezia
Quattro anni, a singhiozzo, tra una borsa di studi e l'altra, quindi posso dire di conoscere molto bene la Svezia e gli svedesi. Penso che ogni italiano dovrebbe viverci almeno per sei mesi, per imparare cosa sia il senso civico, l'organizzazione, la pulizia. Stoccolma è bellissima, con il suoi laghi, il suo arcipelago nel mare, il suo centro storico, i mille locali, la cucina etnica ovunque e di qualunque tipo. Uppsala merita una visita: la cattedrale più grande di Svezia, il castello, il Carolina Rediviva, il Gustavianum, il giardino di Linneo, e le strade da me calpestate per anni. Conosco anche la zona boscosa un po' più a nord, ma mi manca tutto il sud e il vero nord, che devono essere bellissimi. In Svezia ho incontrato il mondo: in università eravamo circa 40 studenti post-laurea dai 5 continenti, abitavo vicino al quartiere degli immigrati iraniani, turchi e libanesi, con cui andavo in palestra. Ho imparato lo svedese da un iraniano della palestra che non parlava inglese, ed i miei migliori amici in quegli anni erano un cileno, un keniano, un kossovaro ed una svedese. Quindi per me la Svezia è un miscuglio di genti interessantissime ed allo stesso tempo un popolo un po' diffidente, ma che quando alla fine ti accetta fa di te una sorella. Mi manca, la mia Svezia.

Parigi
Ho già detto: magica. Aggiungo i musei, il quartiere ebraico e il miscuglio di antico e moderno. E poi la Francia è così bella... la costa sud, l'oceano, le campagne così vive…

Australia/Nuova Zelanda
Sydney mi ha rubato il cuore. Ecco una città dove vorrei vivere. Anche qui c'è il contrasto tra i vecchi palazzi e quelli ultramoderni, ma è come è strutturata, tutta dispersa, con costruzioni basse, su un'area vastissima e verde, affacciata sul mare, con i battelli al posto degli autobus. L'Opera house, il giardino botanico, lo zoo... è fantastica. Canberra (la capitale) è meno bella (è una città dove va solo la gente a lavorare), ma sempre verde e piena di cigni neri, che non sono male!
La Nuova Zelanda è ancora più verde piena di pecore, bovini e cervi. La costa è piena di foche. Il mare è perennemente incazzato e lo stretto di Cook ancora di più (attraversato per andare dall'isola sud a quella nord e viceversa). Ostriche favolose. Vorrei tornarci con calma, non fosse che 36 ora di volo filate come al ritorno non le farò mai più (cristchurch-melbourne-sydney-kuala lampur-londra-stoccolma...). All'andata ci eravamo fermati 1 gg a Singapore, e concordo con quanto detto da Lorelfo. Aggiungo: andate a vedere il Raffles hotel di Singapore, coloniale, merita.

Cile/Uruguay
Prima son stata 4 gg a Montevideo. Mi è calata una tristezza infinita addosso (ho anche pianto). Una specie di Italia del dopoguerra, triste e povera, con il mare tendente al marrone per via del rio della plata (o come si chiama). Mi son rimaste impresse le bidonville di là dal fiume, sul cerro, ed i carretti trainati dai cavalli che la notte scendevano da là per raccogliere la spazzatura, con cui vivevano le persone che ci abitavano.
Santiago è diversa, con la sua enormità, la sua folla, il suo filo spinato, le sue telecamere nel centro, i centri commerciali magnifici, la povertà poco più in là (ma meno che a Montevideo). A me è piaciuta, come pure mi è piaciuto quel poco di Ande che ho potuto vedere. Ho conosciuto negli anni svedesi tanti cileni e quindi sono ovviamente curiosa nei confronti di questo paese, tanto vicino a noi per radici e cultura. Un paese dove quindi starei volentieri qualche mese, percorrendolo tutto da nord a sud, il deserto, le Ande, i vulcani, i vigneti, il mare, la Patagonia: chi viene con me? Ah, il cibo: Montevideo è Little Italy, in entrambi i paesi le grigliate di carne sono fantastiche...

Colorado
Anche qui, una settimana di lavoro, 1 giorno di "vacanza". Boh, è l'unico pezzo d'America che ho visto, provincia profonda, una cittadina universitaria... non che mi abbia colpito molto. Ma c'erano un sacco di cavalli, son stata portata anche ad un rodeo. Il giorno di vacanza: parco delle Rocky Mountains, questo vale la pena!!

Varsavia
Bella e triste, ho quasi pianto anche qui... ho fatto il giro del ghetto, della stazioncina da dove partivano i deportati, ho visto le foto di come era stata distrutta la città durante la guerra. Una pena. Ma si mangia bene (le zuppe, la carne) e si spendono due lire.

Oslo
Purtroppo è tutto ciò che ho visto della Norvegia. A me è piaciuta tanto. Ci sono stata credo 3 volte. Ricordo vassoi di splendidi gamberetti ed una specie di cassueola invernale spettacolare (a skì, robba da milanesi, con zampe di porco e cotenna...). Semmai una volta si parte tutti assieme, visto che in tanti ci vogliono andare, ma è carissima!

Finlandia
Helsinki: 5 volte, ormai so dove si trova parcheggio e dove no, e non è che ci abbia lasciato il cuore, anzi. La Finlandia è: laghetto, pinetti, betulle, laghetto, pinetto, pinetto, betulla, laghetto, pinetto, casina di legno, laghetto, pinetto.... zzzzz

Cosa mi son dimenticata? beh, che ne so, Valencia 2 giorni (+), Amsterdam 1 giorno (+++), Danimarca 2 giorni (+++), Tossa de mar 1 giorno (++), Carcassonne 1 giorno (+++), Avignone 1 giorno (++/+++), non è che si veda molto, così.

Budapest
Bellissima: i palazzi sulle colline e lungo il fiume, i ponti, il centro, le statue equestri. Devo dire che è una delle città europee più belle che abbia visto.

Aletta737 ha pasticciato qui alle 20:45 - Link - commenti (5)
Lunedì, 23 Giugno 2008
Ed ora accomi qui, reduce di una spaghettata alla Meloria. Spettacolare il tramonto, laggiù: siam partiti alle 19 ed arrivati verso le 20, a vela... mentre tutti tornavano a casa per la partita. Siam rimasti soli, abbiamo fatto il bagno, e poi una bella spaghettata. Aspettiamo il buio e inizia un'oretta di studio del cielo e delle costellazioni. Verso mezzanotte si torna verso la costa, dove arriveremo all'una. Davanti a noi sorge la luna, prima bassa e rossa, poi si alza e diventa del suo normale colore. Baba Yaga, Cric e Croc eran le tre barche, su cui stavamo noi 15 "controcorrente" senza TV e radio, senza maglie azzurre in mezzo ad un campo, ma con tante cose da raccontarci. Per la prima volta ho avuto la netta sensazione che su Cric e su Croc potrei andare quasi da sola, e che ho davvero imparato tanto, in questi anni... Alla prossima!!!
Aletta737 ha pasticciato qui alle 01:27 - Link - commenti
Domenica, 22 Giugno 2008

Ciao cubotiani!

Rieccomi, scrivo. Scrivo per rassicurare coso, sto bene, Travian non mi ha ancora mangiata, mi diverte, invece... continuo a lavorare con passione e ad andare in barca a vela con altrettanta passione. Ciò che è sacrificato è Cubota, il forum dove son sempre più assente, ma adesso quando sono al PC o lavoro o devo portare a termine quel lavoro iniziato ormai più di 6 mesi fa con RFCK: non si molla prima della fine, qualunque sarà la fine. Voi lo sapete, ci avete giocato, in mesi e mesi di continui rapporti quotidiani si crea un legame che spero vada oltre la costruzione della Meraviglia. Scrivo perchè scopro che nonostante tutto c'è chi mi legge e non so perchè, non so come il mio blog è classificato al 2° posto e... non so come ringraziarvi di ciò (Edit: lol, dovevo aver bevuto... non è assolutamente vero che sono lì!!! Ho confuso Diario di Board con il mio Diario di Bordo... ma vabbè, grazie lo stesso a quei 4 gatti che mi leggono :p). Magari aggiungete anche dei commenti, che fa sempre piacere! Al primo posto vedo Lorelfo, che adoro. Se son tanto arrabbiata con lui è perchè lo trovo un ragazzo speciale, altrimenti sarebbe stato semplicemente dimenticato. E poi scrivo perchè questo è diventato il mio blog marinaro, copia del mio libro di bordo cartaceo. E quindi... vi aggiorno sulle mie avventure (mah) di velista dilettante, o camperista a vela, come qualcuno ci ha classificato sull'ultimo numero di Bolina. Beh, in realtà io apprezzo tantissimo anche un pomeriggio di bordi con un J24, anzi, forse lo preferisco, ma è bello anche conoscere le nostre isole metro per metro, tornandoci, ritornandoci e poi tornandoci ancora.

Quindi, con ordine...

 25 maggio 2008
Prima volta in barca del 2008! Si esce con Cric (o Croc?) un First 21.qualche. Ci son 2 allievi del corso base, la nipote di AA, io, ed AA. Vento poco a tratti, di più in altri momenti. Un po' si va un po' no, ma mi ha fatto bene risalire in barca prima di partire per la crociera!

30 Maggio 2008

Venerdì sera ci si trova a Scarlino. In barca siamo AA, MM, S2 (vedi crociera di novembre, lol!!), io/me e 5 da Como/Lecco che arrivano a mezzanotte. All'ultimo minuto si aggiunge un altro ragazzo. Si parte per Capraia verso l'una di notte. Il Popoff (AA) sta sveglio tutta la notte, verso le 6 mi mette al timone e chiude gli occhi circa 20 minuti prima di sentire il motore che si blocca: del naylon va nell'elica e dobbiamo continuare a velocità ridotta. Arriveremo alla Mortola alle 8 del mattino dopo. Un'altra barca della nostra flotta (siamo 5) deve tornare indietro col motore che fuma, ma ci ripiglia la mattina dopo, ed un'altra ancora si deve fermare a Salivoli per sbarcare due che vomitano troppo. Mah.

31 Maggio 2008
Subito un bel bagnetto, anche se l'acqua è fredda. Popoff prende la mia mutina e finisce di liberare l'elica. Poi io mi butterò in cabina. Quando mi sveglio è perchè rotolo da una parte all'altra della cabina per le virate. Esco, si veleggia fino a Cala Ceppo dove ci si fermerà per pranzo: pasta con zucchine e limone. Mi ributto in cabina e quando mi sveglio è perchè rotolo di nuovo da una parte all'altra: accidenti ai velisti! Sono stanca e stressata! Si continua a veleggiare da favola, si passa davanti a Cala Rossa, poi Punta dello Zenobito, poi tutto il lato più selveggio di Capraia, verso la Corsica, sino alla punta e poi di nuovo Mortola e Porto. WOW, che bello!!! In porto siam sistemati ad un pontile galleggiante, pericolosamente vicino agli scogli, e visto che il Baci e Abbracci pesca 2,60 mt non è piacevole. Legata come un salame... e poi... aperitivone delle 5 barche assieme sul pontile (c'era chi era partito con ogni tipo di alcolici, frutta e frullatore...) e poi cena ognuno sulla sua barca. Noi pollo alla senape. E ora... buona notte!

 1 Giugno 2008
Ho dormito benissimo. Oh, come ho dornito bene... MM dice che non dormo... è un'anestesia. Ha cercato di farmi smettere di russare senza successo per tutta la notte, in cui lui non ha dormito. Mi spiace, ma non si era mai lamentato nessuno, prima! Comunque alle 7,30 mi sveglio ed esco dalla barca, vado a far colazione, a comprare la schiacciata. Salgo in paese dove tira un gran vento. Memore dei fatti della scorsa estate (tanta paura con raffiche a 38 nodi) mi entra un gran malumore, la paura larvatamente mi invade. Bastarda. AA decide che non si andrà all'Elba ma si rimarrà a Capraia. Si esce verso l'una, andiamo di nuovo a mangiare a Cala Mortola. E dopo pranzo... i famosi "due bordi" non ce li toglie nessuno! Il vento è forte (circa 25, a tratti 30 nodi), ma il mare è ralativamente "piatto" (forza 4, dice il Popoff). Beh, mi rappacifico col vento e mi diverto col mio fiocco e le tante virate. Purtroppo quella randa io ci metto un po' a sbloccarla e non mi va di rischiar di far prender colpi alla barca perchè non son rapida, o meglio, perchè non sono abbastanza forte, sigh. Comunque mi rendo conto che le condizioni di quest'estate eran ben diverse e mi tranquillizzo. Ora siamo alla boa, gli altri spignattano e sarà bene cha vada a collaborare....

2 Giugno 2008
Insomma la sera alle boe un gran casino e si fraternizza con le altre barche. Io poco, a dire il vero, che alle 23,30 già dormo. Al risveglio il nostro tenderino è squarciato causa incauto sbarco su spiaggetta intima circondata da scogli (si dice il peccato ma non il peccatore...) e un altro tenderino dei "nostri" se ne va felice al largo in totale libertà. Per un colpo di fortuna non aveva già "girato l'angolo" (la punta) e nel tenderino di una terza barca c'era abbastanza benzina per andarlo a riprendere. Anche questa notte io ho dormito e MM no. Mi sa che come compagni di cabina non siamo un gran che. La mattina con calma, ma non troppa, partiamo verso la costa, con l'idea di fermarci per pranzo e bagno all'Elba. Si va con un misto motore/randa ma dopo poco più di un'ora, forse quasi due, il motore ci abbandona: va a 3, batte in testa, non lo so, fa un rumore strano e si decide di spegnerlo. Era quasi nuovo, solo 130 ore!! Ma tanto... tutto di bolina, belli sbandati (mai cucinata una frittata piegati di 30 gradi? Io si!!)... tutto a 8 nodi circa... con le solite mani di terzarolo che mi accompagnano spesso... il vento non manca e ci porta a casa in meno di 5 ore. Insomma, un'altra bella piccola avventura: a presto, mare!!

Aletta737 ha pasticciato qui alle 13:24 - Link - commenti (2)
Venerdì, 09 Mag 2008
Beh, rieccomi. Un saluto a tutti! Che dire? Mah, non molto, la vita scorre, divisa tra lavoro, aria aperta e quel maledetto gioco che ora condivido con KorsatH. Zi, zi, faccio outing! Qualcuno (uno) qui forse si chiederà come sia possibile, ma direi che non ha il diritto di chiederselo. E la barca a vela? Boh... ora ci si pensa... smile
Aletta737 ha pasticciato qui alle 06:43 - Link - commenti
Lunedì, 21 Gennaio 2008

A volte basta qualcosa di piccolo, per ammantarti di tristezza e farti ricordare una piccola poesia.

Quante parole, vero?
Le abbiamo dette, le abbiamo
gettate, e loro sono cadute
con un tonfo sordo
nell'acqua nera di un pozzo.

E' il loro posto,
il posto di tutte le parole
che una volta dette
non tornano più indietro.

                  17-04-1988

Ovvero: gli errori si pagano. Ma quale errore? L'errore di essere me stessa? Forse, se ci ripenso, non c'è stato nessun errore.

Panta rei... direbbe quello!

Forse non tutto il male vien per nuocere....

Aletta737 ha pasticciato qui alle 23:37 - Link - commenti
Sabato, 29 Dicembre 2007

...oggi mi son comprata questo...
taurus
...ieri questo...

SARA' GRAVE????
smile

Aletta737 ha pasticciato qui alle 21:54 - Link - commenti
Mercoledì, 26 Dicembre 2007

Avviso ai naviganti:
questa è solo una lista: può essere omessa la lettura
o forse no
cmq vale sempre la regola
"i blog si leggono dall'inizio, ovvero dal fondo" :p

Lavorino noioso che mi piacerebbe completare... vediamo se lo faccio per Natale... a proposito, Auguri a tutti... allora... andando indietro nel tempo...

I LIBRI CHE HO LETTO

2007
13-Il più grande uomo scimmia del Pleistocene - Roy Lewis
12-Figlie dell'Islam - Lilli Gruber
11-Taipi - Herman Melville
10-Usodimare - Ernasto Franco
09-Il libraio di Kabul - Asne Seierstad
08-Mille splendidi soli - Khaled Hosseni
07-Eredi della sconfitta - Kiran Desai
06-Cronache dal cono sud - Sepulveda
05-L'ultimo della sua specie - Sigrid Nunez
04-Gomorra - Roberto Saviano
03-Il silenzio dell'innocenza - Somali Mam
02-Lasciami sola - Marcelle Sauvageot
01-Il castello bianco - Orhan Pamuk

2006
16-Una vita da lettore - Nick Hornby
15-Noa Noa - Paul Gauguin
14-Vado da Lucia - Adelaide Rando
13-La cucina color zafferano - Jasmin Crowther
12-America anno zero - Lilli Gruber
11-La lunga rotta - Bernard Motissier
10-La misura del mondo - Daniel Kehlmann
09-Ritratto della Corrente del Golfo - Erik Orsenna
08-Harry Potter ed il Principe Mezzosangue - JK Rowling
07-Una giuria di sole donne - Susan Glaspell
06-Che animale sei? - Paola Mastracola
05-Il barone rampante - Italo Calvino
04-Il cacciatore di aquiloni - Khaled Hosseini
03-La tartaruga di Gauguin - Andrea Bocconi
02-Olga - Chiara Zocchi
01-La scuola raccontata al mio cane - Paola Mastracola

2005
12-Tre Voli - Chiara Zocchi
11-Il Giovane Holden - Salinger
10-Un vagabondo nei mari del sud - Bernard Motissier
09-La relazione di Arthur Gordon Pym da Nantucket - E. A. Poe
08-Tamata e l'Alleanza - Bernard Motissier
07-La prosivendola (2°) - Pennac
06-La fata carabina (2°) - Pennac
05-Il paradiso degli orchi (2°) - Pennac
04-Storia di un amore straordinario - C-J Vallgren
03-La foresta dei Pigmei - I. Allende
02-Il codice Da Vinci - D. Brown
01-Omero, Iliade - Barrico

1994
09-Di luna piena e di luna calante - Dionne Brand (lasciato a metà)
08-La storia di San Michele - Axel Munthe
07-Io uccido - Faletti
06-Il porto delle nebbie - Simenon
05-Quel che c'è nel mio cuore - M. Serrano
04-Come smettere di farsi seghe mentali e godersi la vita - G.C. Giacobbe
03-La ragazza con l'orecchino di perla - T. Chevalier
02-Vergogna - J.M. Goetzee
01-Undici Minuti - Paulo Cohelo

2003
Il generale e il giudice - Sepulveda
Il regno del drago d'oro - I. Allende
Harry Potter and the order of the Phoenix - JK Rowling
Il centro delle cose - J Mc Phee
Il mio paese inventato - I. Allende
Apro gli occhi e ti penso - J. Colgan
La città delle bestie - I. Allende
Il sole di Breda - Arturo Perez Reverte

2002
Buskashi - Gino Strada
L'orso azzurro - Lynn Schooler
Male d'amore - Angela Mastretta
Capitano Alatriste - Arturo Perez Reverte
Il tempo non si ferma per i topi - M. Hoeye
Next - Alessandro Barrico
Le parole per dirlo - Marie Cardinal
Mastro Domenico - N. F. Pelosini

2001
Il viaggio della strega bambina - Clelia Rees
Non sposate quella donna - Jenny Colgan
In caso di disgrazia - G. Simenon
Finale di romanzo in Patagonia - Mempo Giardinelli
Che pasticcio, Bridget Jones! - M. Fielding
Antigua, vita mia - M. Serrano
Insieme con i lupi - Nicholas Evans
Amore, Prozac ed altre curiosità - Lucia Etxebarra
Harry Potter ed il Calice di Fuoco - J.K. Rowling
Il sogno del secolo - G. Abraham
Harry Potter ed il Prigioniero di Azkaban - J.K. Rowling

2000
Harry Potter 2 - JK Rowling
Harry Potter 1 - JK Rowling
La paura degli altri - Gandrè e Legeron
Il viaggiatore del giorno dei morti - Simenon
Il re della pioggia - Bellow
Il tempo di Blanca - Serrano
Signori Bambini - Pennac
Afrodita - Allende
Via da casa - Carmen Martin Gaitè
La figlia della fortuna - Allende
Noi che ci vogliamo così bene - Serrano

1999
Il morbo di Haggard - P. McGrath
Sogno di una notte di mezza estate - Shakespire
Sula - Toni Morrison
Strappami la vita - Angeles Mastretta
La lettera d'amore - Schine
La voce del violino - Camilleri
Oceano mare - Barrico
City - Barrico
Il ladro di merendine - Camilleri
Uccelli da gabbia e uccelli da voliera - Andrea de Carlo
Lo strano è vivere - CM Gaitè
Il racconto dell'isola sconosciuta - J. Saramago
Ti condurrò fuori dalla notte - Pansa

1998
La strada che porta a domani - Bill Gates
Le Braci - Sandor Marai
Il nido dei calabroni - P. Cornwell
Il fuoco - D'Annunzio
The god of small things - Arundhati Roy
Racconti notturni - Peter Hoeg
La domenica della vita - Raymond Quenau
Prima che tu dica "pronto" - I. Calvino
Unnatural exposure - P. Cornwell
Men, women and relationships - John Gray
Follow your heart - Susanna Tamaro (in inglese!)
Nuvolosità variabile - Carmen Martin Gaite
Lo zen e l'arte della manutenzione della bicicletta - Pirsig

1997
La lunga vita di Marianna Ucria - D. Maraini
La regina delle nevi - Carmen Martin Gaitè
Il centravanti è stato assassinato verso sera - Montalban
Tar Baby - Toni Morrison
Love, again - Doris Lessing
Il signor Malussene - Toni Morrison
La ragazza sull'altalena - R. Adams (mi sa che l'ho letto due volte...)

1996
Watership down - R. Adams
Il pendolo di Faucoult - U. Eco
L'armata verde di G. Durrel - E. Whitely
Il comando - Rocco Carbone
Il vecchio che leggeva romanzi d'amore - Sepulveda
The temple of my familiar - Alice Walker
La vita di Maometto - boh, un manualetto
Requiem - Tabucchi

1995
Patagonia Express - Sepulveda
Sulle tracce di Che Guevara - Marc Cooper
Il sistema riproduttivo - Sladek
Sognavo l'Africa - K. Gallman
I fiori blu - Quenau
Gaspare, Melchiorre e Baldassarre - Tournier (mi sa che ho letto 2 volte pure questo)
L'arte di amare - Fromm
Venerdì o il limbo del Pacifico - Tournier (o è questo che ho letto 2 volte?)
Dell'amore e altri demoni - Marquez
Sostiene Pereira - Tabucchi
Dona Flor e i suoi due mariti - J. Amado
Tsugumi - B. Yoshimoto
Donne che corrono coi lupi - Pinkela Estes

1994
Colpo di Grazia - Yorcenar
Frammenti di un discorso amoroso - Barthes
Il danno - Josephine Hart
In principio erano le mutande - R. Campo
Agosto - Rocco Carbone
Musica - Mishima
Il ritratto di Dorian Gray - O. Wilde
Beloved (Amatissima) - Toni Morrison

1993
The song of Salomon - Toni Morrison
The hitch hickers guide to the Galaxy - Douglas Adams
L'altra donna - D. Lessing
Il mirto e la rosa - Annie Messina
N.P. - B. Yoshimoto
Kitchen - B. Yoshimoto
Uguali Amori - David Leavitt
Un luogo dove non sono mai stato - David Leavitt
La lingua perduta delle gru - David Leavitt
La prosivendola - Pennac
La fata carabina - Pennac
Il paradiso degli orchi - Pennac

zzzzzzzzzzzzzzz..........

Aletta737 ha pasticciato qui alle 12:14 - Link - commenti
Domenica, 02 Dicembre 2007

Buongiorno! Sono un po' di corsa, ma volevo aggiungere qualche fotografia "nuova": le Ande, Chile, 1996. Un viaggio di lavoro ma sono riuscita ad allontanarmi da Santiago, complice un amico cileno che mi ha portata a oltre 3000 metri in poche ore. Il mio ricordo principale sono i colori: ma ci sono tutti i marroni del mondo!

 

un paese splendido, dove vorrei tornare.

 Vi saluto, che mi aspetta una giornata di coccole!

Aletta737 ha pasticciato qui alle 09:40 - Link - commenti
Giovedì, 08 Novembre 2007

"Tutti i mortali sono, chi più chi meno, naufraghi, e i soccorritori, con il gesto che compiono, salvano una parte di se stessi, rinascono mentre assicurano la vita"

Herve Hamon "Cacciatori di tempeste"

Da Glenans, corso di navigazione: regalo di compleanno moooooolto gradito!!

Grazie!! smile

Aletta737 ha pasticciato qui alle 16:07 - Link - commenti
Lunedì, 05 Novembre 2007

Beh, il 4 novembre mi risveglio in una caletta splendida, di Capraia, senza neppure una barca... siamo ancorati lì dalla sera precedente, soli soletti: non una barca, non una casa, nessuna traccia umana, intorno a noi. Solo l'urlo dei gabbiani ed il mare che si infrange sulla roccia. Certi momenti sono impagabili.

La mattina precedente (il 3) ci eravamo svegliati con calma, io ho lavoricchiato un po', poi si lascia il porto (W la bassa stagione... sono costati pochissimo entrambi i porti!) e si va, nonostante a Capraia ci avessero detto che non c'era posto. La traversata è stata di nuovo avara di vento, purtroppo, e questa è l'unica nota negativa di questi giorni: si va sempre a motore. LL sta seduto al timone (lo abbiamo soprannominato "Marione che guida il camione") leggendo un libro. AA sta steso sulla rete tesa davanti, tra gli scafi, e si leggerà un libro di storia della navigazione nel mediterraneo in 24 ore. S1 accanto a lui ha l'I-pod infilato nelle orecchie. Io, poverina, prendo il sole in T-shirt con le maniche arrotolate e pantaloni tirati su al ginocchio (mica ti porti canotta e pantaloncini, a novembre!) leggendo il libro di Lilli Gruber. Pausa da queste stancanti attività alle 13.30 per mangià e bè intanto che si va. Alle 15.30 si butta l'ancora, si chiacchera un po' e uno alla volta... si va in cabina e ci si addormenta!!! L'unico che regge è AA col suo librone sulle navi. Mah. Che fatica alzarzi alle 20,30... ma in dinette spignattavano che era un piacere!! mangerò, laverò i piatti, si chiacchera un po' e... "sbonf"! Tutti a nanna prima di mezzanotte! Direi che lavoriamo tutti troppo... e che se finalmente ci si rilassa... non si può che dormire!!

Il 4 novembre mi regalerà il risveglio nel posto che vi dicevo prima, ma non solo: la giornata è splendida, il cielo è solo blu, con calma si parte verso l'Elba e cosa compare all'orizzonte? Uno spruzzo, di nuovo uno spruzzo... una schiena scura... una pinna... E' UNA BALENA!!! La seguiamo con lo sguardo mentre fa i suoi spruzzi e dopo poco... altri due spruzzi che vanno in un'altra direzione, altre due schiene, più piccole!!! Tre balene in un colpo solo!! Rimaniamo incantati. AA, quando saranno scomparse, chiamerà il suo amico biologo che si occupa di cetacei, che ci dice "che bello sapere che ci sono anche a novembre". Dovrò studiare e capire il perchè di questa frase!

All'una decidiamo di farci un bel bagno nel mare... prima di mangiare di nuovo (la nostra principale attività) e tornare verso il porto di Etrusca Marina. Delle giornate meravigliose, molto più rilassanti e riposanti di quel che potessi mai sognare. Proprio quello di cui avevo bisogno...

Oggi ho lavorato 12 ore, ma non mi è pesato per niente... anzi... ora vi saluto e continuo un'altro po'! smile

Aletta737 ha pasticciato qui alle 21:10 - Link - commenti
Sabato, 03 Novembre 2007

Dopo colazione, con calma, ieri mattina abbiamo mollato gli ormeggi e abbiamo lasciato Porto Azzurro. “Dove si va? Cosa si fa?”, decidiamo di rimanere all’Isola d’Elba, visto che Simone deve scendere e prendere il traghetto stasera. La giornata è splendida… ma splendida davvero! Smesso il vento del 1° novembre (raffiche di 27-28 nodi alla mattina, stabilizzatosi a 20 nodi verso sera), le condizioni sembrano perfette per divertirsi… in più c’è un sole fantastico!!! Appena fuori dal porto si mette prua al vento per tirar su la randa e “stunk!” il motore di destra si spegne. “Putt! Ca^^! Una cima nell’elica!”. La stupida cima dell’argano del tender si è slegata e dei mille posti dove poteva cadere (incluso nei 2 metri di tender) ovviamente è andata nell’elica… Vabbè, caletta, si ancora in 13 metri, riparati dal vento… che caldo… il primo si tuffa e noi in T-shirt a guardare. AA starà in acqua 20 minuti, poi esce, è vero che l’acqua è 19 gradi ma a star fermi sotto l’elica fa freddo. Ora tocca a LL, che continua a segar la cima che non si svolge. Dopo 10 minuti desiste. Chiamiamo un amico che ha un diving e lo attendiamo. Lo andremo a prendere col maledetto tenderino, carichiamo tutta l’attrezzatura ed il prode AA con muta, calzari, gav, erogatore, maschera e pinne starà sotto a lavorare sino a ciucciarsi l’ultima goccia di aria della bombola da 12 litri. Io intanto cucino (oggi si va di petto di pollo al prosecco, ma soprattutto di prosecco, visto che l’antipasto di pringles, salame, formaggi e varie altre schifezze dura 2 ore e 3 bottiglie). L’elica è libera!! Grande AA… però è tardi… Va beh, la giornata era splendida, siam stati in T-shirt tutto il giorno, altro che cerate e pile… ora mi tira la pelle dal sole che ho preso… Si arriva a Portoferraio e si scarica S2. Riesco a lavorare più di 1 ora (il PC me lo son portato per quello) e poi si esce a cena (voglia di cucinare e rassettare saltami addosso!). Dopo cena un salto in crèperia. E poi si incontrano una quarantina di folli di diverse barche che cercano di coinvolgerci in giochi quali ruba bandiera, tiro alla fune e pinocchietto. Non abbiamo molta voglia e ci allontaniamo verso il nostro mega appartamento galleggiante… senza S2… stanotte abbiamo una cabina doppia a testa… non siamo appiccicati l'uno all'altro in una scatola di sardine come di solito accade... ma questo riscaldamento è troppo forte… mi sveglio alle sei… bastava un lenzuolo, altro che sacco a pelo pesante… e ieri mi sono comprata una T-shirt, giacchè mi sembra che di dolcevita e cerate non avremo molto bisogno… Che fatica vivere in questo modo…

 

(ho tolto i nomi perchè ho pensato che forse non gli facesse piacere... boh...)

Aletta737 ha pasticciato qui alle 06:59 - Link - commenti
Venerdì, 02 Novembre 2007

Mi son svegliata e tutto tace... due righe e lavoro un po'... proprio vero che ormai siam vecchi... abbiamo quasi un portatile a testa, tutti con i sensi di colpa di quanto dovremmo lavorare invece di essere qui... ma dal piccolo oblò vedo che non c'è più il ventone di ieri, di sicuro è calata l'onda, il sole è splendido... secondo me tra 1 ora si comincia ad andare a vela e si smette quando fa buio, altro che lavorare! L'equipaggio è composto dal mio istruttore AA, che a questo giro non è skipper, LL, istruttore e skipper, S1, con cui ho fatto già diverse crociere e che va in barca con AA da più di 10 anni, ed il cugino di AA (S2), pure sufficientemente "marinaio". E poi io. Quindi... no, non credo che oggi si starà in porto!!!

  

Che ne dite, una volta si fa un cubota-raduno qui sopra?

....sento odore di caffè...

Aletta737 ha pasticciato qui alle 08:42 - Link - commenti
Giovedì, 01 Novembre 2007

Siamo a Porto Azzurro! Dopo esserci imbarcati ieri sera a Etrusca Marina... siamo partiti solo oggi alle 15,30... dopo 7 cadaveri in 5... ...e pranzo a base di scampi e cicale... forse un po' zigzaganti... anche per colpa del rhum... ma siamo arrivati in porto e guarda un po': c'è una rete wireless! Se ne approfitta subito...  CIAO Cubotiani!!

AA si è messo ai fornelli, dopo due aperitivi... stasera pesciolini fritti... si... come si soffre su questa barca!!!!!!

Fatemi gli auguri, che è il mio compleanno!!!!

Aletta737 ha pasticciato qui alle 21:25 - Link - commenti
Mercoledì, 31 Ottobre 2007
Pronti che si parte! Aiuto sono in ritardo... nella borsa c'è tutto... sacco a pelo pesante, cerata, guanti, stivali, cappello di lana... autogonfiabile/imbracatura, coltello, pila... diario di bordo.... pile... pantaloni di pile... mah... vado in montagna? Noooooo al mare!!! Questa volta è catamarano... auguratemi buon vento, e ci vediamo lunedì!!!
Aletta737 ha pasticciato qui alle 19:52 - Link - commenti
Giovedì, 25 Ottobre 2007

Ricordi di questa estate....

 

Bonifacio

Questa sopra è Bonifacio vista dal mare, una cosa splendida.... mentre questa qui sotto è Lavezzi, un gioiello, disabitata, con le sue calette in miniatura ed il suo piccolo cimitero, un posto dove ogni singola roccia è una scultura... Ci siamo ritrovati in 4 su tutta l'isola, di mattina presto, gustandoci il privilegio di una visita completa in esclusiva! Il tutto grazie al nostro grande skipper Ale. Per i posti dove ci ha portato si è fatto perdonare la vita spartanissima che ci ha fatto fare: uso WC vietato, uso acqua dolce quasi vietato... chissà, forse ci preparava per una traversata atlantica!

Lavezzi 

...quando dico che un giorno partirò... mica scherzo!!!

Aletta737 ha pasticciato qui alle 18:11 - Link - commenti
Domenica, 21 Ottobre 2007

Ti ho sconfitto, maledetto Melville. Archiviato Taipi. A ben pensarci un libro incredibile, per il tempo in cui è stato scritto. Un giovane Melville "rapito" da indigeni-cannibali con cui vive per 4 mesi... un'occasione d'oro per riflettere sulle differenze tra le due culture, e non è sempre quella più "civilizzata" ad uscirne meglio, anzi!!!

Insomma, finito. Evvai!!!!!!!

Lo so che non si è obbligati a finirli, i libri, se non piacciono. Ma non è che non mi è piaciuto, è che Melville è così... lento! E poi lo dovevo leggere, già sconfitta da Moby Dick. Ma se volete attraversare i mari con la fantasia (che farlo in barca è una cosa da uomini veri) io vi consiglio i libri di Moitissier, "Tamata e l'alleanza" primo tra tutti, ma anche "un vagabondo dei mari del sud"... un giorno partirò... un giorno...

Aletta737 ha pasticciato qui alle 17:07 - Link - commenti
Sabato, 20 Ottobre 2007

Finita di leggere anche la tesi di A. per l'ennesima volta, l'ultima, basta... non se ne può più!! E' definitiva, e così se ne sforna un'altra, verso l'esame di stato, verso il mondo del lavoro e la vita da adulti. Già mi manca. Ma è lo stesso per A., che giovedì sera mi ha mandato un SMS chiedendomi "posso venire in laboratorio, domani?"... crisi di astinenza dopo tanto computer e tanta scrittura!!! E' triste quando se ne vanno, dopo due anni fianco a fianco sono degli amici, non degli studenti. E questa è una delle cose che amo di più del mio lavoro. Tra l'altro mi permette di continuare ad avere 25 anni in eterno! Ma allo stesso tempo, come dicevo a Lorelfo, è bellissimo vederli crescere e poi anche andare via e continuare a crescere fuori. Ho la fortuna di attraversare la loro vita in uno dei momenti più belli, quando ancora tutto è possibile, ma quando -allo stesso tempo- si fanno scelte che segnano la strada che si percorrerà.

Insomma, a dire il vero oggi ho aperto questa pagina per dire altro. Volevo solo urlare che il 50% del mio tempo lo passo a leggere, studiare, scrivere cose di lavoro... quindi... che compro i libri a fare??? Il mio povero cervello non ce la fa più!!! Ne ho appena comprato un'altro, di libro, di Lilli Gruber (si, la rossa che tanto detestavo e che oggi tanto apprezzo): Figlie dell'Islam, che fatalmente finirà nel mucchietto di libri "da leggere" che vede nell'ordine: Il più grande uomo scimmia del Pleistocene (Lewis), Harry Potter and the deathly hallow (Rowling), L'isola (Marai), Viva Israele (Allam). In più ci sono il Signor Malussene e Moby Dick abbandonati a meno di un terzo. Moby Dick è al secondo tentativo e desisto, getto la spugna, è impossibile arrivare in fondo. Sono a buon punto con Taipi, sempre di Melville, ma è l'ultimo libro suo che leggo... è una fatica immane.

Guardo piena di desiderio il mio libro nuovo. Il PC mi guarda severo. Ho capito, OK, si lavora... si lavora...

Aletta737 ha pasticciato qui alle 14:38 - Link - commenti
Venerdì, 19 Ottobre 2007

Non sono una brava scrittrice, ma di immagini ve ne regalerò ancora. Ecco un posto del cuore, un paese che conosco ed amo, in diverse stagioni dell'anno...

  

la fine dell'estate...

la violenza improvvisa della sua primavera...

l'inverno, fatto di freddo, di vento e di lunghe ombre...

e l'autunno, coi colori della sua bandiera.

Questo l'ho letto oggi, e mi ha molto colpito:

…Posso per esempio camminare sulla spiaggia e all’improvviso sentire la spaventosa sfida dell’eternità alla mia esistenza nell’incessante movimento del mare e nell’inarrestabile fuga del vento. Cos’è allora il tempo se non una consolazione perché niente d’umano può essere perenne?…

Stig Dagerman

 

Aletta737 ha pasticciato qui alle 21:23 - Link - commenti
Giovedì, 11 Ottobre 2007

Non è facile cominciare. Ho pensato di rileggere Itaca, la poesia che ho inserito ieri, e cominciare da lì. A volte penso di non avere un'Itaca, un punto di partenza, tanto sfilacciate e superficiali sono le mie radici. Forse sono stata gettata nel mondo come uno di quei semi che possono essere trasportati nel vento, e mi sembra di aver volato a lungo. Credo di dover ringraziare chi mi ha dato questa libertà, insegnandomi (o forse obbligandomi) sin da piccola ad essere indipendente ed autosufficiente. Ed ora eccomi qua, forse finalmente ferma in un luogo, anche se non riesco a vivere che in una condizione, almeno mentale, comunque temporanea: mi terrorizza l'idea che abiterò sempre in questa casa, che farò sempre questo lavoro, che vedrò sempre questi panorami, che pure amo, come amo il mio lavoro ed amo queste quattro mura. E' "per sempre" che non posso sentire, che mi fa sentire in gabbia, che mi fa pensare subito alla fine del viaggio.

La molla che mi ha spinto ad iniziare questo blog non è stata il bisogno di scrivere, ma il desiderio di dividere con voi alcune immagini (e quindi momenti): un tempo amavo fare fotografie, anche se assolutamente imperfette, e chissà, potrei anche ricominciare!

Iniziamo quindi con alcune foto scattate tempo fa nella terra dove sembra che io abbia messo radici: la Toscana. Questa prima foto (del 1990) è delle colline dove avevo deciso di vivere, anche se poi mi son dovuta trasferire in città, visto che il mio lavoro non mi avrebbe comunque permesso di godermi una casa in campagna (senza parlare dei problemi di una convivenza con mia madre, che ora abita lì). Le colline rimangono comunque una bella valvola di sfogo, per una cresciuta nelle campagne intorno al Ticino che non si abituerà mai ad essere circondata dal cemento.

Toscana, 1990 

Spostarmi quaggiù dalla pianura padana ha anche fatto sì che scoprissi il mare: mare d'estate, mare d'inverno, nuotare nel mare, prendere il sole sulla spiaggia, passeggiare per chilometri col cane rincorrendo le onde, andare sott'acqua, andare sul mare portati dal vento. Il mare è stupendo, sempre, anche quando mi fa paura, come con le raffiche a 40 nodi di quest'estate...

Marina di Grosseto, 2004 

Ma la Toscana è anche altre cose, è arte, è tradizioni... questa foto è fatta in Piazza del Campo, a Siena. Io la amo molto, è del 1993, e mi ricorda una bella storia d'amore...

Siena, 1993 

...nata per colpa di questo quadrupede qui...

Io e Taffy, 1990 circa 

e forse per oggi possiamo chiuderla qui!

 

Aletta737 ha pasticciato qui alle 20:27 - Link - commenti
Mercoledì, 10 Ottobre 2007

La vita, un viaggio meraviglioso che di volta in volta ti fa conoscere splendidi soli e terribili tempeste e che cercherò di fermare in queste pagine.

Perchè Itaca? Per questa poesia di Konstantin Kafavis, che da anni mi accompagna nel mio viaggio e che mi sprona nei momenti difficili.

ITACA

Se per Itaca volgi il tuo viaggio,
fa voti che ti sia lunga la via,
e colma di vicende e conoscenze.
Non temere i Lestrigoni e i Ciclopi
o Poseidone incollerito: mai
troverai tali mostri sulla via,
se resta il tuo pensiero alto e squisita
è l'emozione che ci tocca il cuore
e il corpo. Né Lestrigoni o Ciclopi
né Poseidone asprigno incontrerai,
se non li rechi dentro, nel tuo cuore,
se non li drizza il cuore innanzi a te.

Fa voti che ti sia lunga la via.
E siano tanti i mattini d'estate
che ti vedano entrare (e con che gioia
allegra) in porti sconosciuti prima.
Fa scalo negli empori dei Fenici
per acquistare bella mercanzia,
madrepore e coralli, ebani e ambre,
voluttuosi aromi d'ogni sorta,
quanti più puoi voluttuosi aromi.
Recati in molte città dell'Egitto,
a imparare dai sapienti.

Itaca tieni sempre nella mente.
La tua sorte ti segna a quell'approdo.
Ma non precipitare il tuo viaggio.
Meglio che duri molti anni, che vecchio
tu finalmente attracchi all'isoletta,
ricco di quanto guadagnasti in via,
senza aspettare che ti dia ricchezze.

Itaca t'ha donato il bel viaggio.
Senza di lei non ti mettevi in via.
Nulla ha da darti più.

E se la ritrovi povera, Itaca non t'ha illuso.
Reduce così saggio, così esperto,
avrai capito che vuol dire un'Itaca.

Konstantin Kafavis

Aletta737 ha pasticciato qui alle 20:31 - Link - commenti
014780 amichetti mi hanno visitato